Girare il mondo in bici (Parte 2)

Girare il mondo in bici (Parte 2)

La bicicletta è il mezzo ideale per chi non vuole semplicemente raggiungere una meta, ma ama godersi il piacere del viaggio con i suoi profumi, colori e sensazioni sempre nuove. Per chi cerca una vacanza attiva, a stretto contatto con la natura, alla lenta scoperta di tutte le incredibili bellezze che il paesaggio può offrire. Per i ciclisti, esperti o amatoriali, non solo la nostra Italia vanta un’offerta impareggiabile, gli itinerari per escursioni in bicicletta sono infiniti ed estremamente variegati.

Cammino di Santiago, tra Francia e Spagna

Il celebre Cammino di Santiago, inserito tra i patrimoni dell’UNESCO, inizia a Saint-Jean Pied de Port (sul versante francese dei Pirenei) e termina dopo circa 800 chilometri a Santiago de Compostela, che prima della scoperta dell’America era considerato il punto più occidentale del pianeta. La maggior parte delle persone lo percorre a piedi anche per scopi religiosi, ma completarlo in bici è altrettanto entusiasmante e soddisfacente. Chi sceglie di spostarsi pedalando e vuole seguire lo stesso tracciato dei pellegrini, deve necessariamente dotarsi di una mountain bike poiché spesso il percorso è sterrato, non c’è l’asfalto.

Cammino di Santiago, tra Francia e Spagna
Cammino di Santiago, tra Francia e Spagna

L’Irlanda

Terra verdeggiante ed accogliente, l’Irlanda è uno fra i viaggi avventura più adatti da percorrere in bicicletta. Dall’Ulster fino al sud dell’Eire, da Dublino al Galway con tappa alle isole Aran, dal Donegal a Belfast in bicicletta, l’Irlanda ha tante sfaccettature che possono essere scoperte facilmente sulle due ruote, e diversi sono i percorsi da fare in sella.

Scogliere in granito, aurora boreale, zone disabitate, natura selvaggia e vecchi fari, girare in bici la terra dei cosiddetti Northern Headlands dell’Irlanda (promontori del Nord) è un’esperienza da provare per i veri amanti degli spazi aperti e incontaminati. Questa regione fa parte della Wild Atlantic Way, un itinerario di 2500 chilometri che collega il nord e il sud dell’isola passando per la costa ovest del Paese.

Il Ring of Kerry è, invece, un percorso circolare che inizia e finisce nella località di Killarney, famosa per l’omonimo National Park e per la Macgillycuddy’s Reeks, una delle catene montuose più importanti dell’isola. Toccando le località di Kenmare, Sneem, Waterville, Cahersiveen e Killorglin, il Kerry Ring offre paesaggi mozzafiato, e si attraversano villaggi di pescatori, boschi, montagne e mari cristallini quasi caraibici. Da vedere assolutamente Valentia Island, nella parte più estrema della penisola Iveragh, collegata con la terraferma dal ponte di Portmagee, la lunghezza del percorso è di 170 km.

Friendship Highway, Tibet e Nepal

Il percorso è impegnativo e spettacolare allo stesso tempo, è un itinerario lungo circa 1000 km e in parte non è asfaltato. Il sentiero parte da Lhasa in Tibet, a 3mila metri sopra il livello del mare, per raggiungere e terminare a Kathmandu, capitale del Nepal, è uno dei percorsi più belli ed impegnativi del mondo.

Per completarla serve quasi un mese, l’altitudine media è di 4000 metri e il dislivello complessivo supera i 10mila metri. La Friendship Highway, costruita negli anni sessanta come via commerciale tra Tibet e Nepal, è quindi riservata ai cicloturisti più esperti. Pedalare ai piedi dell’Everest passando di fianco ai monasteri tibetani e in mezzo ai vastissimi prati della zona, però, è un’esperienza che compensa senza dubbio tutta la fatica fisica.

Torna in alto